History of Law - Roman Law

Alessia Spina

Quintus Cervidius Scaevola

Quaestionum Libri XX

Scriptores Iuris Romani, 11
2021, 386 pp.
Cloth Hardback, 17 x 24 cm
Testo latino a fronte / With parallel Latin Text
ISBN: 9788891319982
ISSN: 2612-503X

€ 170,00 - Pre-order: this book will be shiped on 30 Dicembre
  • Institutions
  • Individuals
  • Institutions

    Bound

    Format: Hardback
    ISBN: 9788891319982

    € 170,00 € 170,00 € 170,00

  • Individuals

    Bound

    Format: Hardback
    ISBN: 9788891319982

    € 80,00 € 80,00 € 80,00

  • Abstract
  • Abstract

    Il volume è dedicato ad una delle opere - i Libri quaestionum - attribuite a Quinto Cervidio Scevola, tra i più significativi protagonisti della giurisprudenza del II secolo. La ricostruzione prosopografica relativa al giurista presenta poche certezze, essendo dubbia anche la sua provenienza, sebbene gli indizi a noi giunti facciano propendere per un'origine provinciale. Si deve ammettere che egli abbia avuto un ruolo attivo presso il consilium principis di Marco Aurelio, interpretandone, anche nelle opere casistiche, i più importanti indirizzi legislativi. Della raccolta di Quaestiones - in venti libri, in cui si segue tendenzialmente l'ordine dell'editto - sopravvivono, nei Digesta Iustiniani, circa sessanta frammenti; cronologicamente, essa si colloca nell'ultima fase della vita del giurista, quando, abbandonata la carriera politica, egli si dedica all'insegnamento. La forma della quaestio ripete lo schema dialogico, predilige un lessico arcaicizzante e tratta problematiche di stretto ius civile mutuate dalla letteratura giuridica precedente (soprattutto di matrice giulianea) e sviluppate da Cervidio Scevola attraverso il ricorso ad un'ampia esemplificazione di natura casistica.

    The volume is dedicated to one of the works attributed to Quintus Cervidius Scaevola: the Libri Quaestionum, one of the most significant protagonists of the legal science in of the second century. The prosopographic reconstruction of the jurist presents few certainties, since his provenance is also doubtful, although the clues that have come to us suggest a provincial origin. It must be admitted that he played an active role in the consilium principis of Marcus Aurelius, interpreting, also in the case studies, the most important legislative directions. Of the twenty books that formed the collection of Quaestiones, about sixty fragments survive in the Digesta Iustiniani; chronologically, it is placed in the last phase of the jurist's life, when, having abandoned his political career, he dedicated himself to teaching. The form of the quaestio repeats the dialogic scheme, prefers an archaicizing lexicon and deals with problems of strict civil ius borrowed from the previous juridical literature (especially of Julianic origin) and developed by Cervidius Scaevola through the use of a broad casuistic exemplification.