History of Law - Roman Law

Fara Nasti

L’enchiridion di Sesto Pomponio

Una ricostruzione

Scriptores Iuris Romani. Subsidia, 3
2023, X-302/312 pp.
Cloth Hardback, 17 x 24 cm
Testo latino a fronte / With parallel Latin Text
ISBN: 9788891320018
New Publications
  • Add to cart
  • Add to cart
    •   Institutions

      Bound

      Format: Hardback
      ISBN: 9788891320018

      € 195,00 € 195,00 € 195,00

    •   Individual

      Bound

      Format: Hardback
      ISBN: 9788891320018

      € 115,00 € 115,00 € 115,00

  • Abstract
  • Table of Contents
  • More about this title
  • Abstract

    Nel panorama degli scritti della giurisprudenza romana lEnchiridion (letteralmente Manuale') di Sesto Pomponio (II sec. d.C.) è un'opera di assoluta originalità e di grande efficacia descrittiva: i frammenti che ci sono pervenuti dai Digesta di Giustiniano (quasi 70) restituiscono quanto ci resta di un testo nel quale l'autore - adottando una prospettiva senza precedenti - indaga sull'origine del diritto e sul suo progredire, sulle magistrature e sulla storia della scientia iuris. La nostra lacunosa conoscenza del Manuale, così come, peraltro, di quella della biografia di Pomponio, rendono a volte difficile coglierne il punto di vista. Tuttavia, le indagini condotte nel corso degli ultimi anni consentono forse di dare avvio ad una nuova prospettiva di studi su quest'opera, la sua struttura e la sua destinazione. LEnchiridion può essere considerato un manuale prevalentemente rivolto a un pubblico di lettori già educati alla conoscenza del diritto in cui emerge, con forza, la consapevolezza di Pomponio di quale sia il compito del giurista: quello di dedicarsi all'insegnamento e di garantire il quotidiano miglioramento del ius.

    In the panorama of the writings of Roman jurisprudence, the Enchiridion (literally Manual') by Sextus Pomponius (2nd century A.D.) is a work of absolute originality and great descriptive effectiveness: the fragments we have received from Digesta Iustiniani (almost 70) give us what remains of a text in which the author, adopting an unprecedented perspective, investigates the origin of law and its progress, the magistrates and the history of scientia iuris. Our vage knowledge of the Manual, as well as that of Pomponius' biography, sometimes makes it difficult to grasp its point of view. However, the investigations carried out over the last few years perhaps allow us to start a new perspective on this work, its structure and its destination. The Enchiridion can be considered a manual mainly addressed to an audience of readers already educated in the knowledge of law, in which Pomponius' awareness of what the task of the jurist is: to devote himself to teaching and to ensure the daily improvement of ius.

  • Table of Contents

    Questo lavoro IX

    I
    ENCHIRIDION LIBRI DUO
    1. Un nuovo modo di descrivere il diritto 3
    2. La fortuna tardiva dell’opera e il suo uso didattico 7
    3. Liber singularis, libri duo: la trasmissione del testo e la nostra ricostruzione 10
    4. La cronologia degli scritti di Pomponio 13
    5. D. 40.5.20 e gli epistularum libri 15
    6. La datazione dell’enchiridion: status quaestionis e alcune valutazioni 20

    II
    ORIGO ET PROCESSUS IURIS
    1. Aristotele, la sua scuola e la struttura dell’enchiridion 25
    2. La sezione giuridico-istituzionale 33 3. Origo e processus iuris: la genealogia del ius e delle sue parti 35
    4. Dalle partes iuris alle fonti del diritto 39
    5. Continuità del ius? 43
    6. L’ordine di D. 1.2.2pr.-12 e l’archetipo della legge 44
    7. Cicerone: il modello per la storia del ius 49
    8. Proprium ius civile, quod sine scripto... 55
    9. L’incipit del Manuale 57

    III
    DE MAGISTRATUUM NOMINIBUS ET ORIGINE
    1. Su alcuni precedenti 63
    2. La dimensione dell’impero 67
    3. Uno sguardo d’insieme 71
    4. Descriptio magistratuum 74
    5. Dionigi di Alicarnasso e l’ordo magistratuum dell’enchiridion 76
    a) La caduta della monarchia e il potere dei consoli 77
    b) L’istituzione della censura 82
    c) A proposito del dictator 84
    d) Sul numero dei tribuni della plebe e sugli edili 87
    e) Nota minima sui quaestores e i quaestores parricidii 89
    f ) Il numero dei tribuni militum consulari potestate 92
    6. Il ruolo di Q. Elio Tuberone 94
    7. La scelta di Dionigi e i destinatari dell’enchiridion 96

    IV
    SUCCESSIO AUCTORUM
    1. Pomponio, Diogene Laerzio e il canone delle diadochai 105
    2. Gli esordi del ius fino a Tiberio Coruncanio (D. 1.2.2.35-38) 109
    3. Da Tiberio Coruncanio a Sesto Elio 115
    4. ‘Publius Mucius et Brutus et Manilius, qui fundaverunt ius civile’ 122
    5. Gli auditores e il ruolo dei Mucii Scaevolae 130
    a) P. Rutilio Rufo 132
    b) Q. Elio Tuberone il vecchio 134
    c) *Paulus Verginius 136
    d) Sesto Pompeo 137
    e) L. Caelio Antipatro 138
    6. La trasmissione del ius civile: dagli auditores alle sectae 140
    7. Prosodia e giurisprudenza: la successione dei capiscuola e altre considerazioni 142
    APPENDICE: Ancora su Q. Elio Tuberone il giovane: una delle fonti dell’enchiridion? 149

    V
    UN MANUALE PER L’IMPERO
    1. Insegnamento del diritto e amministrazione delle città 157
    2. Un nuovo stile narrativo 161
    3. Il significato delle parole 162
    4. Quale editto? 167
    5. Il profilo dell’editto (provinciale?) e i suoi commenti 169
    6. Una definizione di Servio 170
    7. Un confronto con Fiorentino 176
    8. Pars Papiniana 179
    9. Commenti ad edictum ed enchiridion: verso una nuova ipotesi di datazione 180
    10. Alla ricerca dei contesti: le definizioni del liber singularis enchiridii 182

    FRAGMENTA
    Liber singularis enchiridii: D. 50.16.239pr. - D. 50.16.239.1 - D. 50.16.239.2 -
    D. 50.16.239.3 - D. 50.16.239.4 - D. 50.16.239.5 - D. 50.16.239.6 -
    D. 50.16.239.7 - D. 50.16.239.8 - D. 50.16.239.9. - *D. 50.16.27.1, Ulp. 17 ad ed. 183
    Libri duo enchiridii: Liber primus: D. 38.10.8 - Liber secundus: D. 26.1.13pr.-1 - D. 46.3.107 211

    VI
    PER UNA PALINGENESI DELL’ENCHIRIDION
    1. Il problema dell’ordine della materia 217
    2. Dalle battute iniziali alla fine della successio auctorum 219
    3. L’insegnamento del ius: Pomponio, Fiorentino, Ulpiano 221
    4. Un presunto errore in D. 1.5.4 e una sequenza dell’enchiridion 224
    5. La parte finale dell’enchiridion 226
    Enchiridion: testo e traduzione 230

    APPARATI E INDICI
    Bibliografia 257
    Abbreviazioni 273
    Giuristi citati 275
    Fonti antiche 279

  • More about this title
    See a preview See a preview See a preview